CARO STATO ITALIANO. . .

Come un fulmine si è abbattuta sul cielo della Puglia una tragedia immane, in uno scontro di treni sulla tratta Corato Andria, nella zona Nord barese, gestita dalle Ferrovie Ferrotranviarie ci sono stati morti e feriti gravi ! Nella forza dello spirito solidale, diamo coraggio alle famiglie dei deceduti e aspettiamo che dopo questa ulteriore sventura subita dalla violenza e dall’arroganza del potere di chi ci ha dominato e continua a farlo in politica, economia e finanza, possiamo veder trionfare la giustizia in un mondo nuovo, nel quale spariscano le tratte ferroviarie ad un solo binario, migliori la rete dei trasporti autoferrotranviari in generale. Ma occorre che l’uomo migliori, nella sensibilità sociale, riconoscendo le vere priorità da risolvere, con spirito del vero progresso, che è soprattutto uno spirito di carità sociale, umile e laboriosa, a partire dai bisogni della povera gente. che quando non sono risolti succede che si muore !

Caro Stato Italiano
Oggi forse piangerai (e vorrei sottolineare il “FORSE“) le tue lacrime da coccodrillo per la strage avvenuta sul tratto a binario unico tra Andria e Corato, in cui contiamo oltre 25 morti e oltre 50 feriti. Dobbiamo davvero ricordartelo, caro Stato Italiano, che l’attuale Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio qualche tempo fa dichiarava che il Sud deve aspettare per gli investimenti “per via della particolarità del territorio, vista la presenza delle rocce” ?  Sei proprio sicuro, caro Stato Italiano, di non ricordare che grazie allo Sblocca Italia e legge di Stabilità c’erano quasi 5 miliardi di risorse fresche per le ferrovie italiane (4.859 milioni) e che però di questi 4.799 milioni sono stati previsti per investire da Firenze in su e solo 60 milioni invece sono stati previsti a Sud di Firenze ?
Cioè, caro Stato Italiano il rapporto degli investimenti è stato di 98,8% al nord e 1,2% al sud. Ti rendi conto ?  Vedi Stato Italia, io so che adesso ti sbatterai, dirai che tutto questo è inammissibile, che non ti fermerai fin quando non sarà fatta chiarezza: la stessa identica ipocrisia che va avanti da decenni, la stessa per la quale presenzierai ai funerali delle vittime, per darci l’illusione che ci sei, che sei presente. Ma vedi, io credo tu debba avere uno slancio di dignità e non venire; restatene tranquillo a casa: nessuno si accorgerà della tua assenza, volendo ragionare qui al Sud non ci sei mai, Stato.

SOLIDARIETA’ AI FRATELLI PUGLIESI.

articolo firmato da.Marco Esposito

CLICCARE QUI’ PER ULTERIORI APPROFONDIMENTI

Lo scontro tra Treni in Puglia un Orrore Senza Fine

ECCO LA MIA REAZIONE SU F.B. :

– Amici …Ho preso molte volte quel Treno –
Sento dentro un’OPPRESSIONE incredibile
Sono vicino ai Parenti delle Vittime e dei Feriti

E PREGO per coloro che non sono sopravissuti

Siamo nel 2016 ed esistono ancora tratte ferroviarie ad un solo binario.
I ricchi viaggiano ad alta velocità. Sono sempre i poveri pendolari a subire le conseguenze di un Italia che secondo i nostri politici è competitiva con il resto d’Europa

IL RACCONTO DEI SOPRAVISSUTI …IL BOTTO POI IL BUIO

ULTERIORI INFO

. . .STANDARD DI SICUREZZA. . .

Ci sono i soldi da investire in sicurezza, ma non vengono spesi

Annunci

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: