ER CONCLAVE

DEI POLITICI PE’ TROVA’  NA’  SOLUZIONE AR GOVERNO
Dopo ave’ esaminato li primi due incontri e visti i risultati

Er poro Mattarella, ier matina,
ha scritto a Tutti questa letterina:

“La situazione è alquanto ingarbujata.
Domani tutti quanti se vedemo
perché bisogna fa’ ‘na chiacchierata
sennò finisce che divento scemo.
Me raccomando d’ariva’ puntuale,
famo alle nove e mezza ar Quirinale.”

E stamattina tutti l’invitati
se so’ all’appuntamento presentati.
Di Maio, Renzi, Grasso e Berlusconi,
Salvini, la Bonino e la Meloni,
chi più contento visto er risultato,
chi invece a orecchie basse e ‘n po’ abbacchiato.

Er Presidente, dopo er benvenuto,
l’ha messi tutti dentro a ‘no stanzone
e senza manco ‘n cenno de saluto
è uscito richiudenno poi er portone
dando due o tre mandate co’ la chiave:
insomma l’ha serrati in un conclave.

Sur tavolo ha lasciato un ber papello
dove ce stava scritto in stampatello:

“DA QUI NUN SORTIRETE, VE RICORDO,
NEMMENO SE VE SCAPPA D’ANNA’ AR CESSO.
FINO A CHE NUN TROVATE QUARCHE ACCORDO,
SE NUN SCENNETE A QUARCHE COMPROMESSO,
NUN MAGNERETE PIU’, VE LO PROMETTO:
VE TOCCHERA’ DE RIMANE’ A STECCHETTO.
MA DATO CHE ‘N VE VOJO COSI’ MALE,
LI’ C’È ‘NA CASSA D’ACQUA MINERALE.
VEDETE DE FA’ I BRAVI E DE FA’ I SERI,
SENNO’ VE MANNO DENTRO I CORAZZIERI.”

Esclama Berlusconi preoccupato:
– Ho la vescica piena, son malato… –
E Grasso: “La trattenga Cavaliere,
c’è l’elmo che ha lasciato un corazziere!”.

Salvini sbotta: – Non se ne fa niente,
nessuno da più ordini alla Lega! –
Di Maio sottolinea impertinente:
– Sai der digiuno a Emma che je frega… –

Renzi sta zitto e la saliva ingoia,
mentre che Giorgia sbotta: – Ma è ‘n casino!
Vojo ritorna’ a casa, un momentino,
che devo da’ la pappa ar regazzino! –

Grasso fa alla Bonino: – Tu stai dietro,
che nun sei entrata manco in Parlamento!
Emma risponne: – Che te strilli Pietro,
che stai ‘na ‘nticchia sopra ar tre per cento… –

Uscito dar silenzio, Renzi invoca:
– Voi me direte: “Ma che cerchi adesso?
Ieri ho saputo che te sei dimesso.”
È che tra i miei se so’ passati voce:
nessuno vole prennese ‘sta croce.
Lo so colleghi che la voglia è poca,
ma è meglio comincia’ la discussione
e senza indugio alcuno e esitazione
trova’ in giornata quarche compromesso,
senza paura de passa’ da fesso,
senza temere de sembra’ ‘n infame.
Nun so’ voialtri, ma io già c’ho fame… –

Di Maio sclera: – Ma nun sei mai sazio?
Hai perso? Mo sta zitto e paga dazio! –

Sopra er divano Silvio s’è sdraiato
e come ‘na creatura poi è crollato.
Salvini se lo guarda divertito:
– Questo davero s’è rincojonito… –

Annunci

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: