PAESI FANTASMI D’ITALIA

E N T E R

In Italia, come nel resto del mondo, ci sono diversi villaggi che vengono abbandonati dagli abitanti per vari motivi: alcuni per fenomeni naturali (inondazioni, frane, terremoti, ecc.); altri dall’intervento umano (come ad esempio la costruzione di dighe che li hanno sommersi). Forse non avete mai sentito parlare di: Balestrino (Savona), Craco (Matera), Gairo Vecchia (Ogliastra-Sardegna), Pentidattilo (Reggio Calabria), Fabbriche di Careggine (Lucca), Monterano (Roma), Roscigno Vecchia (Salerno), Campomaggiore Vecchio (Potenza)
ECCOLI

IL MIO VIAGGIO AD ALIANELLO BASILICATA

DULCIS IN FUNDO …ECCO CRACO IL PIU’ FAMOSO:

 Produzione realizzata d’intesa con il Comune di Craco e
Craco Ricerche Srl, Craco Art Movie Production”

“A causa di una frana di vaste proporzioni, nel 1963 Craco iniziò ad essere evacuata e parte degli abitanti si trasferì a valle, in località “Craco Peschiera”. Allora il centro contava quasi 2000 abitanti. La frana che ha obbligato la popolazione ad abbandonare le proprie case sembra essere stata provocata da lavori di infrastrutturazione, fogne e reti idriche, a servizio dell’abitato. Nel 1972 un’alluvione peggiorò ulteriormente la situazione, impedendo un’eventuale ripopolazione del centro storico e dopo il terremoto del 1980 Craco vecchia venne completamente abbandonata”

E CAMPOMAGGIORE IL PAESE DEL’UTOPIA: Campomaggiore è un comune italiano di 819 abitanti della provincia di Potenza, in Basilicata.  Il vecchio centro abitato (“Campomaggiore Vecchio”) era considerato un luogo vivibile, pacifico e all’avanguardia per i suoi tempi, tanto da essere chiamato “Città dell’Utopia”. A causa di una frana, il nucleo originario fu abbandonato nel 1885, costituendo una città fantasma.

VI SONO ANCHE

Ecco Tutti i Paesi Fantasma in Italia divisi per Regione


 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: