PERCHE’ A NOI “NO” . . .E AD AGLI ALTRI FU DETTO “SI”

O DALLA “D” O DALLA “C” SEMPRE IN “A” DOBBIAMO ANDA’
DUE PESI E DUE MISURE

E’ assolutamente vero che il Bari per regolamento non dovrebbe ripartire dalla C e siamo prontissimi a ripartire dai Dilettanti con la nuova società. Però a questi garanti del regolamento come Gravina o il giornalista della GdS Binda chiediamo il perché non sono mai intervenuti quando questo è stato calpestato ripetutamente. Senza tornare a vari lodi salvasquadroni che hanno in passato permesso di dilazionare debiti abnormi o a campionati saltati inspiegabilmente (dalla c2 alla B della Fiorentina) o al playoff con la quart’ultima di A sempre della Fiorentina o ai vari lodi Petrucci (che permise al napoli di ripartire dalla C), tutte pagine nere del passato calcistico italiano, proviamo a soffermarci su quanto sta accadendo quest’anno tra Figc commissariata e giustizia sportiva.  Sono completamenti saltati i criteri validi per i ripescaggi, così Catania e Novara saranno ripescate in B nonostante per

“REGOLAMENTO”

questo non sarebbe potuto accadere. I punti di penalizzazione che vengono sanciti dalla giustizia sportiva vanno scontati nel campionato in corso o in quello appena concluso. Lo sappiamo benissimo noi, è stata anticipata un’udienza già prefissata (cosa mai successa prima) e siamo stati giustamente penalizzati perdendo la possibilità di disputare i playoff, penalizzazione che ci è costata cara avendo poi pareggiato in trasferta.
Nella stessa stagione è successo di tutto. Il Foggia è stato penalizzato (prima 15 punti, poi ridotti in appello ad 8) ma da scontare nella stagione successiva.

E IL REGOLAMENTO?


Il Parma per altri motivi ha rischiato di perdere la A, sarebbe bastato applicare la richiesta della procura. La sentenza però ha aumentato i punti di penalizzazione, ma saranno da scontare nel nuovo campionato garantendo così la possibilità di giocare in A. E ancora, IL REGOLAMENTO? Il top della giustizia sportiva di questo 2018 terribile per il calcio italiano è il rinvio dell’udienza del Chievo per vizio di forma, Chievo già sicuro di subire una penalizzazione (visto che nello stesso processo è stato penalizzato il Cesena, poi fallito) che sarebbe anche in questo caso costata la serie A.

Ma insomma, questo REGOLAMENTO?????

Per cui non pretendiamo che si regali nulla, ma vista la moria di squadre in C e l’ufficialità di aver riempito solamente 3 caselle (Juventus B, Cavese e Imolese) su 7 vuote, chiediamo semplicemente che si lasci valutare alla figc la richiesta del sindaco dell’articolo 49, senza che si gridi preventivamente allo scandalo e al mancato rispetto del REGOLAMENTO. Questo perché non è possibile che si parli di correttezza e di rispetto delle regole solamente quando si parla del Bari e della città di Bari.

Pronti a ripartire dalla D con Dignità, non pensiamo di dire un’eresia scrivendo che la legge (nel calcio) non è assolutamente uguale per tutti!


 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: