PIRAMIDE ARTICIALE ?

UNA PIRAMIDE ARTIFICIALE ?

Il monte Kailash è una sacra montagna tibetana avvolta dal mistero e dalle leggende.
Con un’altezza impressionante di 6718 metri, il Monte Kailash rappresenta l’asse del mondo o la scala verso il paradiso per le persone della regione.
Infatti sia i buddisti che gli indù , così come le religioni più antiche, riconoscono il Monte Kailash come un antico luogo santo.
La sua forma è simile alle piramidi in Egitto con quattro lati quasi simmetrici. La sua cima scintillante coperta di neve lo rende ancora più accattivante.
L’ approccio al Kailash non solo è proibito, ma anche pericoloso. Infatti si narra in antiche leggende che nelle immediate vicinanze della montagna il tempo scorre molto più veloce, e le persone che sono andate su questa montagna, spesso non sono tornate.
La sua forma è notevole e ha portato a speculazioni nel corso dei secoli. L’area attorno a questa grande montagna è la fonte da dove nascono ben quattro fiumi vivificanti; l’ Indo , il Brahmaputra , il Sutlej e il fiume Karnali (un affluente del Sacro Fiume Gange ). Due laghi sono situati alla base della montagna.
Il lago più alto Manasarovar (uno dei più alti laghi d’acqua dolce del mondo), è il lago sacro, ed è rotondo come il sole.
Il lago inferiore Rakhast Tal (uno dei più alti laghi di acqua salata) è il lago del diavolo e ha la forma della falce di luna. I due laghi rappresentano rispettivamente le forze solari e lunari, le energie buone e quelle negative.
Nel 1999, la spedizione di scienziati russi guidati dal professor ER Muldasheva ha scoperto che la cima del Monte Kailash è in realtà una gigantesca piramide creata dall’uomo fin dai tempi antichi.
È circondata da oltre 100 altre piccole piramidi e vari monumenti, chiaramente orientati ai punti cardinali. Secondo stime provvisorie, l’altezza del resto del complesso di piramidi si trova nell’intervallo 100-1800 mt. (per confronto: la piramide di Cheope – 146 m).
Questo complesso, inoltre, potrebbe essere il centro di un sistema mondiale che collega altri monumenti o siti in cui sono stati osservati fenomeni paranormali.
Se questo è vero, allora la storia umana deve essere riscritta.
È più grande di qualsiasi piramide conosciuta oggi.
Gli scienziati presieduti dal professor ER Muldasheva hanno concluso che il complesso di piramidi del monteKailash, la cosiddetta ” Città degli Dei “, è stato costruito dai rappresentanti di una civiltà avanzata, che conosceva le leggi dell’energia sottile (campo di torsione) e il tempo e sapeva come gestirli erano stati, ed è soggetto alla gravità.
Altrimenti è impossibile spostare grandi masse di pietra o macinare le catene montuose che dovevano essere fatte durante la costruzione di queste piramidi e “specchi”.
In forma (Mount Kailash) assomiglia ad una vasta cattedrale … i lati della montagna sono perpendicolari e cadono a picco per centinaia di metri, gli strati orizzontali, gli strati di pietra che variano leggermente di colore, e le linee divisorie che appaiono chiare e distinte … … che danno a tutta la montagna l’aspetto di essere stata costruita da mani giganti, da enormi blocchi di pietra rossastra. (GC Rawling, The Great Plateau, Londra, 1905). L’idea della piramide in questa regione non è nuova. Ritorna all’epica sanscrita senza tempo del Ramayana .
I Veda menzionarono il Monte Kailash come asse cosmico e pilastro mondiale, centro del mondo e albero del mondo. Ha altri nomi … Meru, Sumeru, Sushumna, Hemadri, Deva Parvata, Gana Parvata, Rajatadri e Ratnasanu. Kang Tisé o Kang Rinpoche (il ‘Gioiello prezioso di neve’ in Tibetano), Meru (o Sumeru), Svastica, Monte. Astapada, mt. Kangrinboge (il nome cinese) – tutti questi nomi, reali o leggendari, appartengono a una delle montagne più sante e misteriose del mondo: il Monte Kailash .
Nella religione o nella mitologia, il centro mondiale o la connessione è tra il Cielo e la Terra.
Come il polo celeste e il polo geografico, esprime un punto di collegamento tra cielo e terra dove si incontrano le quattro direzioni della bussola.
Secondo l’ induismo, Lord Shiva , il distruttore dell’ignoranza e dell’illusione, risiede al vertice del monte Kailash, dove si trova in uno stato di meditazione perpetua insieme a sua moglie Pārvatī .
La mitologia indù la riconosce come l’unica dimora degli dei che può essere visitata dall’uomo nel suo corpo mortale.
Per i buddisti tibetani , Kailash è la dimora della divinità della meditazione tantrica Demchog . Jains venerano Kailash come il sito in cui il loro primo profeta ricevette l’illuminazione. Il Bön , una setta religiosa aborigena dell’era pre-buddista tibetana, lo chiama Yung-drung Gu-tzeg, o ” Swastika di 9 piani ” perché sulla parete sud del Kailash si può vedere una svastica.
Forse le leggende buddiste sul Monte Kailash forniscono l’indicazione più interessante del suo vero significato. I buddisti credono che il “loro” stregone Milarepa abbia sfidato lo stregone della religione Bön, Naro Bön-chung . C’è stata una feroce battaglia sovrumana, ma entrambi gli stregoni si sono rivelati ugualmente potenti.
Hanno quindi deciso di correre l’un l’altro fino alla cima del Monte Kailash.
Ora, ciò che è interessante è che uno di loro ha usato una specie di tamburo magico per raggiungere la cima, mentre l’altro ha vinto usando i ” raggi del sole “.
Come suona questo, se lo prendiamo alla lettera?
Una di queste figure leggendarie utilizzava una navicella spaziale e l’altra qualche forma di teletrasporto ?
E se questi maghi fossero in realtà antichi alieni, usando una tecnologia avanzata che gli umani primitivi potevano solo spiegare chiamandoli ” Dei “?
Tuttavia, è giusto aggiungere che le affermazioni russe di aver scoperto nell’area del Monte Kailash le piramidi più alte mai create dall’uomo furono negate tre anni dopo dagli scienziati cinesi nella stampa ufficiale cinese.


 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: