POESIA IN DIALETTO BARESE

 
Mjenz’agùste
di Vito De Fano

Nanùcce, crammatìne sciamanìnne,
iè mjenz’agùste, puèrteme lendane…
Nge lassàme a dattànde u peccenìnne
e a sorda Rose nge lassàme u cane.

Josce pò, tjen’a mende, a mò c’ascìnne,
pìgghie do pere bbone e do banane,
…pò passe da Felisce, a via Piccinne,
ca t’ava dà trè ghièmmere de lane,

le pigghie e le và llasse a zì Nicole,
pò va ce và, dannànde sta la scole…
Me sjende, sine o nò? Me sì capite?

Sìne, però – nge respennì u marite –
mbra tanda lass’e pìgghie, vjen’e và…
non nzò capite: A tè, addò ti a lassà?

                                         Da “Fascidde” di Vito De Fano (Schena Editore)

 
 
. . .INOLTRE VI CONSIGLIO DI VISITARE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: